Full stack developers come le offerte all inclusive

08-07-2019 - 479

Full stack developers come le offerte all inclusive? Full stack developers oppure programmatori specializzati?

Full stack developers come le offerte all inclusive?

Full stack developers oppure programmatori specializzati?

Cosa nascondono molte offerte di lavoro nelle quali si ricercano programmatori full stack piuttosto che figure specializzate?

Chi è il programmatore full stack per l’imprenditore e chi una figura specializzata?

Sei un’azienda interessata ad integrare nuove figure all’interno del tuo team?

Magari la tua, come la maggior parte delle aziende o realtà imprenditoriali, sta puntando al cambiamento ed è probabilissimo che, come tutte le altre, interesse primario non è quello di raggiungere una qualità quanto più alta ma ottenere il risultato atteso nel modo più flessibile possibile!

Ecco, è proprio questa la caratteristica principale che distingue un programmatore full stack da un programmatore specializzato: la flessibilità!

Un programmatore full stack è quella figura che non ha una conoscenza avanzata degli strumenti, metodi e linguaggi che utilizzerà nella sua attività quotidiana; è quella figura che avrà sempre bisogno di un supporto da parte di una figura specializzata.

Perché? Un full stack developer ha una conoscenza di base su tutta la programmazione (e non solo programmazione): si destreggia tra front-end, back-end e database, tra GUI e controllers... è paragonabile ad una pentola con al quale poter cucinare un minestrone piuttosto che ad una pentola con la quale preparare una sola aragosta.

A livello monetario (perché alla fine all’imprenditore ciò che importa maggiormente è si raggiungere l’obbiettivo finale, la consegna del prodotto, ma sfruttando la “formula” minor sforzo massimo risultato) un full stack developer costa nettamente meno di una figura specializzata (margini che possono discostarsi anche di diverse centinaia di euro l’uno dall’altro. Un full stack developer inoltre, a livello di “controllo” e sotto l’aspetto della “manipolazione” da parte dei suoi superiori, è maggiormente esposto rispetto ad una figura specializzata (fai questo, fai quello, se lo fai a casa tua ti do un premio, studia questo perché c’è da fare anche questo) e, non poche volte, tutto ciò lo si raggiunge proprio giocando su questo suo essere ancora acerbo e poco preparato.

Altro fattore non da poco che spinge le aziende ad assumere un full stack developer piuttosto che una figura specializzata: aver bisogno di quella figura mitologica del supereroe che, in quanto tale, deve conoscere e comprendere tutto ciò sarà coinvolto in un progetto di sviluppo e, possibilmente, tirarli fuori dai guai. Anche questo, il farlo sentire supereroe, sarà usato come una importante leva su quello che sarà poi il controllo e manipolazione della figura appena assunta! Fateci caso: in una azienda il peso maggiore, lo stress maggiore è riscontrabile proprio in un full stack developer piuttosto che in una figura specializzata. La prima, il full stack, sa di dover fare tutto ed anche velocemente, spesso molto velocemente, la seconda invece, la figura specializzata, avrà più ossigeno da respirare anche se il suo compito può apparire inizialmente più complesso a livello logico e sul piano della preparazione necessaria (anche questi sono aspetti che si trovano in una figura piuttosto che nell'altra: saper affrontare correttamente una situazione senza inciampare o sentirsi mancare).

Ma è realmente conveniente ricercare un full stack developer piuttosto che una figura specializzata? Sicuramente ed oggettivamente no! Perché? Lato pratico: il carico di lavoro che attende un full stack developer, ma anche l'azienda che ospiterà questa figura, al fine di mantenere questa sua posizione è nettamente superiore rispetto a quello di una figura specializzata: si pensi al solo, necessario e fondamentale, processo di aggiornamento ed adattamento a ciò che le nuove tecnologie cambiano di giorno in giorno. Una cosa è mantenersi aggiornati su una specializzazione una cosa, invece, è mantenersi aggiornati su un mondo già in partenza non esplorato per la sua interezza.

Oggi che sono emersi nuovi linguaggi, librerie, frameworks è ancora conveniente assumere un full stack developer piuttosto che uno specializzato? Quali saranno i costi di “mantenimento” ed “aggiornamento” conseguenti la sua assunzione?

Per fare si che una azienda che si affida a soli full stack non decada dopo poco, che non inciampi sui suoi stessi passi dopo pochi metri, avrà sempre bisogno di integrare il proprio personale con nuovi full stack developer.

Perché? Perché il solo apprendimento di tutta quella mole di informazioni riguardanti i processi di creazione e sviluppo di un progetto rappresenta un costo davvero enorme per l’azienda. Costo molto più sopportabile, invece, quello di una nuova assunzione (questo, si ripete, anche grazie alla poca esperienza maturata nel settore). Assunzioni che, non poche volte, vengono confermate e portate a casa con RAL sulle quali si potrebbe discutere per mesi e mesi oppure con piani di assunzione che una figura specializzata non accetterebbe mai (ad esempio i famosissimi tirocini formativi oppure assunzioni a tempo determinato o, ancora, a progetto... esclusi ben specifici casi).

Si potrebbe paragonare un full stack developer ad un tuttofare ma maestro di nessuno, a quella figura che conosce come fare questo, quello e quell’altro ma non potrebbe insegnarlo ad altri se non avviando un procedimento riconducibile ad un “copia ed incolla”. Un po' come accade in non poche università dove insegnano la programmazione studiando a memoria un algoritmo, quando il procedimento più importante è comprendere il funzionamento di quell'algoritmo e poterlo replicare anche con passaggi logici e computazionali differenti.

A conferma di ciò i dati, nettamente in calo, circa le figure che si identificano come full stack rispetto a quelle che si identificano quali specializzate (c’è da riconoscere comunque un aspetto che va contro questa regola: non poche sono le figure che preferiscono identificarsi come specializzate ma che, a conti fatti, si ritrovano ancora nel gruppo dei full stack. Questo perché nel tempo si è capito ciò che, del full stack developer, gioca a loro sfavore).

Altro aspetto che non conferma la classifica di chi occuperà il podio delle assunzioni: molte aziende sono ben consapevoli del fatto che il livello di preparazione di un full stack developer non sarà mai paragonabile a quello di una figura specializzata ma, specialmente nei primi anni di vita dell’azienda e del progetto, sono la figura che meglio soddisfa la necessità del “prima usciamo con il progetto meglio è”. Successivamente, inevitabilmente, si verificherà un passaggio a figure specializzate, ad una diversificazione dei ruoli e compiti affidandosi così a figure ben distinte e ben preparate in ciò che dovranno affrontare giorno per giorno.

Dunque, quale figura è più conviene?

Un full stack nel rapportarsi con il cliente potrebbe offrire più spunti per ciò che riguarda, ad esempio, il front-end e, magari, arrivare anche ad influenzare su ciò che sarà e dovrà fare il back-end. Uno specializzato in front-end, invece, si limiterà a dare consulenza per ciò che a lui è ben noto senza mai superare i suoi confini: mezzo punto a favore per i full stack, sicuramente.

Un full stack developer non potrà mai, non riuscirà mai, a trasmettere anche tutta quella sicurezza che, invece, uno specializzato riesce a trasmettere anche involontariamente: punto a favore delle figure specializzate!

Riepilogando: un team di programmatori full stack perché conviene? Perché è, apparentemente, il più gettonato e ricercato? Sicuramente perché costa meno, perché è più flessibile e per non poche aziende è proprio la parola flessibilità ad essere il fulcro del loro business. Quando è inadatta la figura del full stack? Quando ciò di cui si ha realmente bisogno è specializzazione in una determinata funzione, specializzazione valida oggi come fra un anno o dieci e senza trascurare i processi di aggiornamento.

E’ conveniente circondarsi di soli full stack developers? Assolutamente no! Il motivo principale lo si individua alla base: un tuttofare fallisce sempre quando si trova a dover affrontare problematiche presenti in profondità in un qualsiasi progetto!

Facciamo un banalissimo esempio parlando un attimo di web: necessità di un cliente è quella di ricevere un nuovo design. Se affidassimo il compito ad una figura specializzata sicuramente il cliente ne uscirà soddisfatto, senza alcun dubbio o perplessità. Questo perché le sue necessità saranno valutate con il massimo dell’esperienza e soddisfatti con il massimo della preparazione. Un full stack, invece, si limiterebbe a fornire idee creative, sicuramente, ma non riuscirebbe ad analizzare e risolvere problematiche specifiche del cliente.

Torniamo un attimo all'università e metodologie di studio: cosa puoi ottenere da una persona che ha studiato a memoria una qualsiasi soluzione di un qualsiasi problema? Ben poco altro rispetto ad un "risolvere quel singolo problema". Cosa puoi ottenere, invece, da una persona che è riuscita a comprenderne le basi, specializzarsi su quelle problematiche e, magari, riconoscerle immediatamente anche in problematiche di tutt'altra tipologia?

Un attimo, una domanda: un full stack costa realmente meno rispetto ad uno specializzato? Non parliamo del solo aspetto economico!

Hai realmente bisogno di un full stack oppure è solo un altro tentativo per assumere nuovo personale sottopagandolo e riuscire ad uscire da una situazione imbarazzante in cui ti trovi?

Vuoi ancora assumere un full stack oppure stai già rivalutando quel gradino più alto occupato da figure specializzate?

Cosa vuoi ottenere realmente dalla tua azienda?

Business: news e sviluppo

Una mano professionale per realizzare quello che nella tua azienda manca. Non un tutor aziendale, non una persona estranea ai tuoi interessi ma professionisti che ci tengono alla tua crescita. Una sezione che riporterà al suo interno tutto ciò che potrà supportarti nella crescita della tua azienda e tutte quelle news ad essa attinenti.

Torna indietro

Galleria

Ho tante cose da condividere con te!
Rimani aggiornato!

Niente spam! Solo informazioni utili, parola di SitSardegna e Giovanni Pinna!